Spesso si utilizzano termini impropri di vario tipo per definire gli spazi accessori dell'unità immobiliare. Un sottotetto viene definito mansarda, un balcone parzialmente coperto viene definito veranda, una intercapedine di fondazione viene definita taverna etc.

LE PERTINENZE

Ogni pertinenza, con destinazione particolare ed accessoria, deve essere descritta nel progetto originale del fabbricato depositato presso gli uffici tecnici e gli archivi catastali oppure, nel caso di trasformazione, deve essere stata regolarizzata "ex post" con una richiesta di titolo abilitativo (come ad esempio un sottotetto diventato abitabile)

Sono considerate pertinenze: le cantine, i ripostigli, le soffitte, i sottotetti , non hanno un loro sub e sono descritte nello stesso foglio catastale dell'abitazione.

I posti auto (box), pur essendo considerati pertinenziali, hanno un loro identificativo catastale.

Prima di sottoscrivere un preliminare di acquisto è opportuno verificare attentamente la congruenza tra ciò che viene dichiarato verbalmente e ciò che effettivamente risulta dagli atti pubblici (progetto del fabbricato, catastale, agibilità). La legge prevede una sola destinazione d'uso per ogni singola unità immobiliare, anche ai fini delle varie imposte sul patrimonio immobiliare.

LE CATEGORIE CATASTALI

Le categorie catastali sono divise in sei gruppi di riferimento conformemente alla funzione dell'edificio.

Ogni gruppo è suddiviso in categorie specifiche, ad es. il gruppo A :

  1. A1 - Lusso, fabbricati con caratteristiche costruttive, tecnologiche e rifiniture di livello superiore a quello dei fabbricati di tipo residenziale
  2. A2 - Civile,  unità immobiliari appartenenti a fabbricati con caratteristiche costruttive, tecnologiche e di rifiniture di livello rispondente alle locali richieste di mercato per fabbricati di tipo residenziale
  3. A3 - Economica, Unità immobiliari appartenenti a fabbricati con caratteristiche di economia sia per i materiali impiegati che per la rifinitura, e con impianti tecnologici limitati ai soli indispensabili
  4. A4 - Popolare, Unità immobiliari appartenenti a fabbricati con caratteristiche costruttive e di rifiniture di modesto livello. Dotazione limitata di impianti quantunque indispensabili
  5. A5 - Ultrapopolare, Unità immobiliari appartenenti a fabbricati con caratteristiche costruttive e di rifiniture di bassissimo livello. Di norma non dotate di servizi igienico-sanitari esclusivi (*in disuso)
  6. A6 - Case rurali
  7. A7 - Villini, fabbricato, anche se suddiviso in unità immobiliari, avente caratteristiche costruttive, tecnologiche e di rifiniture proprie di un fabbricato di tipo civile o economico ed essere dotato, per tutte o parte delle unità immobiliari, di aree esterne ad uso esclusivo
  8. A8 - Ville, immobili caratterizzati essenzialmente dalla presenza di parco e/o giardino, edificate in zone urbanistiche destinate a tali costruzioni o in zone di pregio con caratteristiche costruttive e di rifiniture, di livello superiore all'ordinario
  9. A9 - Immobili storici,  castelli e palazzi eminenti che per la loro struttura, la ripartizione degli spazi interni e dei volumi edificati non sono comparabili con le Unità tipo delle altre categorie; costituiscono ordinariamente una sola unità br>immobiliare. E' compatibile con l'attribuzione della categoria A/9 la presenza di altre
    unità funzionalmente indipendenti, censibili nelle altre categorie
  10. A10 - Uffici e studi privati, unità immobiliari che per tipologia, dotazione di impianti e finiture sono destinate all'attività professionale
  11. A11 - Abitazioni ed alloggi tipici dei luoghi, rifugi di montagna, baite, trulli, sassi, etc.

Nel rogito la categoria è spesso indicata in forma abbreviata con "CAT."

FOGLIO CATASTALE | DESTINAZIONE D'USO

TABELLA DELLE CATEGORIE CATASTALI
I - IMMOBILI A DESTINAZIONE ORDINARIA
GRUPPO A
A/1 Abitazioni di tipo signorile
A/2 Abitazioni di tipo civile
A/3 Abitazioni di tipo economico
A/4 Abitazioni di tipo popolare
A/5 Abitazioni di tipo ultrapopolare
A/6 Abitazioni di tipo rurale
A/7 Abitazioni in villini
A/8 Abitazioni in ville
A/9 Castelli, palazzi di eminenti pregi artistici o storici
A/10 Uffici e studi privati
A/11 Abitazioni ed alloggi tipici dei luoghi
GRUPPO B
B/1 Collegi e convitti, educandati; ricoveri; orfanotrofi; ospizi; conventi; seminari; caserme
B/2 Case di cura ed ospedali (senza fine di lucro)
B/3 Prigioni e riformatori
B/4 Uffici pubblici
B/5 Scuole e laboratori scientifici
B/6 Biblioteche, pinacoteche, musei, gallerie, accademie che non hanno sede in edifici della categoria A/9
B/7 Cappelle ed oratori non destinati all’esercizio pubblico del culto
B/8 Magazzini sotterranei per depositi di derrate
GRUPPO C
C/1 Negozi e botteghe
C/2 Magazzini e locali di deposito
C/3 Laboratori per arti e mestieri
C/4 Fabbricati e locali per esercizi sportivi (senza fine di lucro)
C/5 Stabilimenti balneari e di acque curative (senza fine di lucro)
C/6 Stalle, scuderie, rimesse, autorimesse (senza fine di lucro)
C/7 Tettoie chiuse od aperte
II - IMMOBILI A DESTINAZIONE SPECIALE
GRUPPO D
D/1 Opifici
D/2 Alberghi e pensioni (con fine di lucro)
D/3 Teatri, cinematografi, sale per concerti e spettacoli e simili (con fine di lucro)
D/4 Case di cura ed ospedali (con fine di lucro)
D/5 Istituto di credito, cambio e assicurazione (con fine di lucro)
D/6 Fabbricati e locali per esercizi sportivi (con fine di lucro)
D/7 Fabbricati costruiti o adattati per le speciali esigenze di un’attività industriale e non suscettibili di destinazione diversa senza radicali trasformazioni.
D/8 Fabbricati costruiti o adattati per le speciali esigenze di un’attività commerciale e non suscettibili di destinazione diversa senza radicali trasformazioni.
D/9 Edifici galleggianti o sospesi assicurati a punti fissi del suolo, ponti privati soggetti a pedaggio.
D/10 Fabbricati per funzioni produttive connesse alle attività agricole.
III - IMMOBILI A DESTINAZIONE PARTICOLARE
GRUPPO E
E/1 Stazioni per servizi di trasporto, terrestri, marittimi ed aerei.
E/2 Ponti comunali e provinciali soggetti a pedaggio.
E/3 Costruzioni e fabbricati per speciali esigenze pubbliche
E/4 Recinti chiusi per speciali esigenze pubbliche.
E/5 Fabbricati costituenti fortificazioni e loro dipendenze.
E/6 Fari, semafori, torri per rendere d’uso pubblico l’orologio comunale
E/7 Fabbricati destinati all’esercizio pubblico dei culti.
E/8 Fabbricati e costruzioni nei cimiteri, esclusi i colombari, i sepolcri e le tombe di famiglia.
E/9 Edifici a destinazione particolare non compresi nelle categorie precedenti del gruppo E.
NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE del NPR di Roma
1. Le destinazioni d’uso sono articolate in otto funzioni: abitative, commerciali, servizi, servizi pubblici, turistico - ricettive, produttive, agricole, parcheggi non pertinenziali. Sulla base di tali funzioni e del Carico urbanistico (CU) di cui all’art.3, comma 6, le destinazioni d’uso sono così classificate:
a) Abitative
Abitazioni singole; abitazioni collettive (studentati, convitti, conventi, collegi, centri per anziani, residence )
b) Commerciali
Piccole strutture di vendita (superficie di vendita fino a 250 mq)
Medie strutture di vendita (superficie di vendita fino a 2.500 mq)
Grandi strutture di vendita (superficie di vendita oltre 2.500 mq)
le strutture di vendita si intendono al dettaglio e comprensive di depositi pertinenziali, anche localizzati in locali autonomi non contigui;
c) Servizi
Pubblici esercizi (bar, ristoranti, pub, locali notturni in genere), servizi privati (sociali, assistenziali, sanitari, istruzione, sportelli bancari; agenzie di servizio alle persone)
Direzionale privato (uffici e studi professionali), artigianato di servizio
Attrezzature collettive (per lo sport, lo spettacolo, la cultura, congressuali, religiose)
d) Servizi pubblici
Sedi della pubblica amministrazione, sedi istituzionali e rappresentative, sedi e attrezzature universitarie
servizi pubblici (sociali, sanitari, assistenziali, istruzione)
e) Turistico ricettive
Strutture alberghiere (alberghi, pensioni, motels, ostelli, strutture similari per le quali sono prescritte apposite autorizzazioni di esercizio) altre attrezzature turistico ricettive (villaggi turistici, campeggi)
f) Produttive
Artigianato produttivo, Industria, Commercio all’ingrosso, Depositi e magazzini,
g) Agricole
Abitazioni agricole, Agriturismo, Attrezzature per la produzione agricola e la zootecnia, Impianti produttivi agro-alimentari
h) Parcheggi non pertinenziali
Autorimesse, autosilo

Studio ArTechint © all rights reserved